Disegnato dagli appassionati locali e dagli esperti della Collemarathon, il tracciato ha ricevuto consensi unanimi dai partecipanti alla prima edizione. Si tratta di un mix assai ben riuscito di saliscendi collinari, tratti urbani e piani litoranei.
Se dal lato turistico consente di apprezzare la bellezza paesaggistica e gli abitati del nostro Comune, sotto l’aspetto tecnico le salite più impegnative, poste volutamente a ridosso del finale, creano una severa selezione e impongono di dosare le energie in maniera accorta fin dai primi chilometri.
Grazie all’intesa con le autorità locali e alla collaborazione di numerosi volontari, le strade sono percorribili in sicurezza.
L’attraversamento della Statale 16 viene attuato attraverso il sottopasso (attenzione a questo punto, perché è scivoloso e stretto) che viene percorso due volte, all’andata e al ritorno dell’anello lungomare.
Al termine dell’ultima salita una semicurva introduce al rettilineo d’arrivo, nell’ampia piazza Borroni delimitata dal Parco della Rimembranza e dalle alte mura medievali da dove la gara è partita 21,097 km prima!